[cml_media_alt id='134']Luigi Campanelli | luigicampanelli.com[/cml_media_alt]“Nella pittura di Luigi Campanelli c’è un “eclettismo” poetico analitico coltivato con fantasia quasi morbosa. Ma non si tratta di un citazionismo.
Nella sua severità, la superficie del quadro rivela una densità cromatica provvisoria, contornata da una linea che demarca le forme. La figurazione, più virtuale (neo-metafisica) che transitoria (neo-espressionista), recede nel fondo della memoria, alla ricerca di inquietanti sottigliezze misteriose. Come figura e linguaggio, la pittura di Luigi Campanelli è dunque lontana dalle secche della “maniera” neo-accademica attuale.
La sua “trasparenza” opaca è brivido di colore (quasi terre colorate), mostra sempre possibili profili plastici irripetibili, animati dall’estasi e dallo stupore.”
da “Le nuove Iconografie dell’arte, Luigi Campanelli.”
Notiziarte anno I° – Aprile 1987 – n°2 di Italo Mussa

Qui la conversazione-intervista a cura di Maurizio Gibo Gibertini per M’Arte Web TV.

LUIGI CAMPANELLI – NOTA BIOGRAFICA

Luigi Campanelli nasce in Acqualagna (PU) nel 1943. Nel 1964 si diploma come perito edile e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Roma nel corso di pittura di Luigi Montanarini, dove si diploma nel 1968. Dal 1969 al 1997 ha insegnato discipline pittoriche in più licei artistici e quindi nel 1° liceo artistico di Roma. La sua ricerca artistica si è sempre caratterizzata per un nomadismo culturale, dalla figurazione all’astrazione, dalla pittura alla scultura.

Nel 1968 collabora  per la parte artistica al progetto architettonico del concorso per il padiglione italiano all’Expo di Osaka, degli Arch. V. Caporioni e G. Mainini. Dal 1979 al 1997 ha lo studio nell’ex Pastificio Cerere dove con altri artisti e lo storico del cinema Domenico Giovannini fonda il “LABORATORIO 1n” spazio multimediale. Dal 1977 al 1979 espone e pubblica il saggio “Alchimia Bibliografica di un Perito Edile”, due novelle “Il Carro del Sole” e “PSSS” e un piccolo gruppo di poesie “Daedalus e il Vento”.

Nel 1980 segnalato speciale in Bolaffi Arte come miglior artista dallo storico dell’arte Nello Ponente e nel 1992 da Barbara Rose, critico d’Arte di New York. Dal 1981 al 1984 realizza il ciclo di opere “SINOPIE, di cui il poeta Emilio Villa scrive un saggio.

Nel 1986 con il teorico della “Pittura Colta” Italo Mussa  fonda il “Centro di Cultura Ausoni” nell’ex pastificio Cerere. Di questo periodo sono le opere per “New Metaphysical Dream” e le mostre in Europa e Stati Uniti. Nel 1988 realizza per la Gamma International S.p.a. di Roma una grande scultura in pietra, dal titolo “MERIDIANA” (205x205x300 cm).

Dal 1989 inizia il percorso del “neoplasticismo” contaminazione tra pittura e scultura. Nel 1993 fonda e dirige nell’ex pastificio Cerere l’Associazione Culturale “STUDIO APERTO”, spazio multimediale per la promozione della giovane arte Italiana in Europa.

[cml_media_alt id='136']Nel suo studio | luigicampanelli.com[/cml_media_alt]

Nel 1997 si trasferisce nel suo luogo d’origine, Acqualagna (Pesaro-Urbino), dove vive e lavora. Dal 2009 al 2014 riveste la carica di Assessore alla Cultura del Comune di Acqualagna. Dal 2015 è consigliere per il locale Museo di Arte Contemporanea.

Alcune  mostre personali: 1981 Palazzo dei Diamanti Centro Attività Visive Ferrara – 1987,1989, 1991 Shainman Gallery di New York e Washington – 1989 Mar Estrada Gallery Madrid – 1996 “Sinopie” Salone Dicastero Turismo Repubblica di San Marino – 2002 “Daedalus” Abbazia di San Vincenzo, Acqualagna (PU) – 2005 “Sinopie” omaggio a Emilio Villa, Palazzo Pubblico Sala dell’Abbondanza, Cagli (PU) – 2008” Tandem” il Sentimento della Memoria nella galleria Hybridacontemporanea e Horty Lamiani Bettivò Roma – 2012 Galleria Arte in Centro Bergamo.

Collettive: 1963,65,67 Quarta, Quinta e Sesta Rassegna Arti Figurative di Roma e del Lazio – 1981 Linee della Ricerca Artistica in Italia 1960/1980 Palazzo delle esposizioni Roma – 1986 “The New Metaphisical Dream” Jack Shainman Gallery – 1988 “Dal Ritorno all’Ordine al Richiamo della Pittura 1920/1987” Mathildenhohe Museum Darmstadt – 1996 “Italian Contemporary Prints” Kaosiung Museum of Fine Art Taiwan.

(Visited 317 times, 1 visits today)

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *